Ingenuity ha volato su Marte

Ciao sono Giorgio Pozzi e in questo articolo ti parlerò di Ingenuity che ha volato su Marte, finalmente!

Rimani aggiornato su tecnologia e scienza facilmente!
Iscriviti subito al gruppo Facebook Tecnologia portami via!

Questa volta possiamo dirlo: è stata davvero dura.
Già di per sé la missione di Perseverance è stata una grande sfida, ma ne nascondeva un’altra: Ingenuity (che significa “ingegnosità”) il primo mezzo volante a dover volare su un altro pianeta. Perseverance nascondeva infatti sotto di sé un piccolo “drone” (passatemi il termine, è qualcosa di molto più complesso) indipendente dotato di eliche con una missione molto ambiziosa: decollare, guardarsi attorno e cercare punti di interesse attorno al rover.

Qualche intoppo

Nonostante tutto sia poi andato per il meglio, non è filato proprio tutto liscio.
Durante i test pre volo, che prevedevano anche di far ruotare le pale mantenendo il drone in posizione, si sono verificati dei problemi e si è reso necessario lo studio di una soluzione e poi un aggiornamento software. Il decollo doveva essere l’11 aprile, ma è stato rimandato in attesa dell’aggiornamento. Si pensava che il decollo sarebbe stato il 14 aprile, ma gli scienziati hanno dovuto aspettare fino al 19.

Il volo

Alle 9.30 del mattino (ora italiana) del 19 aprile, Ingenuity si è finalmente alzato in volo. I primi dati sono arrivati circa tre ore dopo e la conferma finale si è avuta durante la diretta NASA delle 12:15.

Conclusioni

A soli 117 anni dal primo volo sulla Terra dei fratelli Wright, ha volato un piccolo elicottero robot su Marte. Questo può darci una misura di quanto le sfide spaziali spingano l’acceleratore sulla tecnologia e della portata che questa evoluzione può avere per il futuro dell’umanità.

Fonti: Wired

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.