Come monitorare il sonno con Apple Watch

Ciao sono Giorgio Pozzi e in questa guida ti spiegherò come monitorare il sonno con Apple Watch.

Apple Watch è uno strumento davvero speciale per il monitoraggio della salute dell’utente e questo vale anche per il sonno. Grazie ai suoi sensori può stare “in ascolto” tutta la notte per capire quanto dormiamo e la qualità del nostro sonno. Anche se indossarlo di notte non è comodissimo, ci si abitua in fretta, e grazie alle funzioni integrate e ad alcune applicazioni da installare, si riesce ad accedere a davvero tante informazioni utili sul proprio sonno.

Funzioni integrate

Con iOS 14 e watchOS 7 è radicalmente cambiata la gestione della sveglia principale di iPhone e Apple Watch. Apple cerca di agevolare la creazione di una sana routine sonno/veglia e quindi fa pianificare gli orari in cui andare a letto e quelli della sveglia su base settimanale (ma poi è possibile cambiare di volta in volta se necessario).

In sostanza pianifichi quante ore dormire e specifichi in quali orari i dispositivi Apple non devono disturbarti.
In questi orari, se indossi un Apple Watch, verranno raccolti dati in grado di raccontare molto a proposito di quanto dormi e come dormi. Inoltre lo schermo dello smartwatch si accenderà appena visibile, solo se toccato, in modo da non disturbare. Se vai a riposare prima, ti consiglio di attivare la modalità di riposo manualmente appena vai a letto (puoi farlo dal centro di controllo di Apple Watch), in modo che lo schermo non ti disturbi con accensioni accidentali.

Visto che dormire bene è così importante per essere in forma, Apple raccoglie tutti i dati in proposito nell’App Salute.
In Sfoglia/ Sonno, troverai un grafico che rappresenta le tue dormite, con tanto di media di ore di sonno e frequenza cardiaca mentre dormi.

Dormi davvero quanto pensavi? Hai un sonno agitato? Da questi dati puoi già capire parecchie cose, ma se davvero vuoi andare a fondo sulla qualità del tuo sonno può avere senso acquistare un’app (di cui ti ho già parlato) che approfondisce un po’ la questione con qualche dato in più e dei grafici più dettagliati.

Autosleep

AutosleepCi sono diverse App dedicate al sonno, ma io ti consiglio Autosleep. Costa qualche euro, ma a mio parere ne vale la pena.
Raccoglie e rappresenta davvero bene tutti i dati relativi al riposo e non richiede proprio nessuna azione da parte dell’utente (a parte il primo avvio dopo l’installazione, ovviamente).

Per ogni giorno mostra come si è svolta la “sessione di sonno” e dà una valutazione complessiva in base a vari fattori importanti.
Ti permette di leggere le ore di sonno, quanto di questo è stato sonno profondo, se è stato di qualità o meno, e come andavano i battiti mentre dormivi.
Dà una stima della tua prontezza in base a questi dati e suggerisce anche a che ora andare a dormire, stimando quando ti sveglierai (una funzione che richiede una certa regolarità per essere affidabile). Ovviamente tutti questi dati sono poi organizzati anche su base settimanale e mensile.

L’App può funzionare in accoppiata con HeartWatch, che tiene sotto controllo tuti i dati relativi al cuore, ma non è necessario averle entrambe per approfondire la questione “sonno”.

Conclusioni

Spero che queste indicazioni ti abbiano fatto scoprire degli strumenti utili.
Finalmente possiamo sfruttare Apple Watch per sapere di più sul nostro sonno. Autosleep aiuta gli utenti da anni, ma ora, con le funzioni specifiche di iOS e watchOS, abbiamo ancora più strumenti per monitorare il sonno con Apple Watch e quindi cercare di migliorare il nostro sonno in modo sempre più efficace.

Fonti: Apple Autosleep HeartWatch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.