Una immagine di cosa si può fare con Apple Pencil

Ciao sono Giorgio Pozzi e in questo approfondimento ti spiegherò perché Apple Pencil è un accessorio sempre più importante per tutti gli utenti di iPad e iPad Pro.

A cosa serve

Disegno

Apple Pencil nasce come accessorio per i creativi che utilizzano iPad Pro, infatti permette da subito di utilizzare le applicazioni di disegno in un modo molto più naturale per tutti coloro che sono già abituati a disegnare. Questa naturalezza è dovuta alla sensibilità della pressione e dell’inclinazione che ci permettono di ottenere, con i giusti software, dei risultati artistici molto realistici. Rispetto a qualsiasi altro pennino, si distingue subito per la latenza estremamente bassa che quasi annulla il ritardo tra il nostro gesto e l’apparire del segno sul monitor.

Tutto il resto

La penna però non è utile solo a chi disegna, infatti, viene comunque rilevata come un tocco delle dita molto preciso, e quindi se vi fa comodo, può sostituire ovunque un singolo dito.
Un utilizzo molto diffuso e comodo è quello di annotare testo scritto a mano su immagini o PDF, o prendere appunti a lezione o durante una riunione.
Apple Pencil non è mai indispensabile ma è spesso utile.

Steve Jobs non la odiava

Avrai letto da tante parti che Steve Jobs avrebbe odiato Apple Pencil. È una scemenza. Nel 2007 Steve Jobs liquidò l’argomento “stylus” (che allora erano in voga su Android) chiedendosi durante il Keynote quale utente l’avrebbe mai voluta in un cellulare.
È chiaro che Steve Jobs non voleva che l’interfaccia del suo smartphone prevedesse un qualcosa da tenere in mano, doveva essere sempre usabile direttamente con le dita.
Cosa c’entra con Apple Pencil per iPad? Niente, appunto.
Apple Pencil è un accessorio per disegnare o annotare e non è mai obbligatorio, semmai offre un di più agli utenti in alcuni ambiti, solo su iPad.
Mi spiace dire cose banali ma la gente non ce la fa.

Due Apple Pencil per due iPad

La prima Apple Pencil era uscita solo per gli iPad Pro, ma poi anche i modelli “inferiori” sono diventati compatibili mentre i nuovi Pro sono passati alla seconda versione di Apple Pencil. Quindi adesso abbiamo due tipi di Apple Pencil compatibili con diversi tipi di iPad.

Apple Pencil di prima generazione

Una foto di Apple Pencil prima generazione

Bianca lucida e dotata di connettore Lightning per l’abbinamento e la ricarica; è compatibile con:

  • iPad Air (3ª generazione)
  • iPad mini (5ª generazione)
  • iPad (6ª e 7ª generazione)
  • iPad Pro 12,9″ (1ª e 2ª generazione)
  • iPad Pro 10,5″
  • iPad Pro 9,7″

Apple Pencil di seconda generazione

Una Apple Pencil di seconda generazione

Bianca opaca, si abbina e ricarica senza fili, è sensibile al doppio tap (a cui è associabile un comando) ed è compatibile con:

  • iPad Pro 12,9″ (3ª e 4ª generazione)
  • iPad Pro 11″ (1ª e 2ª generazione)

(in sostanza i nuovi iPad Pro senza cornici e con Face ID)

Focus sulle differenze

Le differenze della seconda generazione rispetto alla prima solo le seguenti:

  • Abbinamento e ricarica magnetica (quindi niente porta Lightning).
  • Più leggera.
  • Doppio tap per comandi personalizzati.
  • Prezzo più alto (Costa circa 35€ in più)
  • Le punte di ricambio vanno comprate a parte (la prima generazione ne comprende alcune nella confezione).

Come procedere

Innanzi tutto acquista una Apple Pencil compatibile con il tuo iPad, poi dovrai abbinarla.
La prima generazione si abbina collegando lo spinotto Lightining direttamente a iPad e rispondendo affermativamente alla domanda di abbinamento.
La seconda generazione va posta in sede di ricarica sul fianco di iPad Pro e a quel punto dovrete rispondere affermativamente alla domanda di abbinamento.
Fatto. Se la batteria è sufficiente, potete già utilizzarla.

Batteria

La carica completa di entrambe le penne dura circa 12 ore, ma se dovete lavorare e avete la penna scarica, tenete presente che 15 secondi di ricarica attraverso il connettore Lightning permettono un’autonomia di 30 minuti, quindi la batteria non dovrebbe essere mai un serio problema.

Pellicole effetto carta

Nonostante Apple Pencil sia di per sé davvero vicina all’esperienza del disegno su carta, lo schermo è comunque più scivoloso, quindi sono state realizzate delle pellicole da applicare su iPad che, con Apple Pencil danno una resistenza che ricorda davvero da vicino quella della matita con la carta. Insomma se scoprite che questa cosa vi manca c’è una soluzione.

Apple Pencil su iPad o monitor con penna su Mac

In molti si chiedono se il pennino di Apple possa sostituire degnamente una soluzione per il disegno come ad esempio una Wacom Cintiq: uno schermo con pennino dedicato al disegno che va collegato al Mac (no i tablet Windows di Wacom non li prendo nemmeno in considerazione).
La risposta è assolutamente sì, ma attenzione, tutto dipende dal software che utilizzate.
Ad esempio su iPad non c’è niente di così avanzato come Photoshop su Mac, quindi se vi serve quello, Apple Pencil non farà al caso vostro (a meno che non usiate iPad come uno schermo del Mac (ci sono soluzioni dedicate, magari le vedremo). Se invece il software che avete su iPad fa al caso vostro, allora non troverete di meglio di Apple Pencil.

Le cover

Sono in vendita innumerevoli cover che non credo servano a qualcosa. Rendono la penna solo più spessa e pesante, il prodotto è solido e resistente anche senza una cover, comunque sappiate che esistono (anche originali Apple).


Problemi noti

 

Disconnessione improvvisa

Se la tua penna si sconnette improvvisamente durante l’uso, probabilmente è colpa di una connessione Bluetooth instabile. In questo caso la cosa migliore da fare è:

  1. Dissociare la penna da iPad andando in Impostazioni/Bluetooth/Apple Pencil e cliccare su Dissocia.
  2. In Impostazioni/Bluetooth Disattivare e poi riattivare il Bluetooth.
  3. Riavviare iPad.

Dopo il riavvio riassocia Apple Pencil all’iPad e vedi come va.
Se questa procedura non dovesse bastare, prova a spostarti, il Bluetooth risente di interferenze elettromagnetiche, potresti essere in un posto poco adatto. Se anche questo non funziona forse è meglio che fai controllare la tua Apple Pencil da Apple.

Se non funziona anche se connessa

Se ti capita che Apple Pencil non funzioni anche se connessa, leggi il mio articolo, la soluzione è davvero banale.

Se si deforma la punta

Fortunatamente le punte sono intercambiabili, svita quella deformata e montaci una punta sostitutiva.

Alternative

Non ci sono prodotti come Apple Pencil ma ci sono tanti altri pennini sul mercato, vediamo i principali:

LOGITECH CRAYON

Un pennino alternativo interessante per tutti coloro che non intendono disegnare, questo perché non è sensibile alla pressione. Per prendere appunti va benissimo.

CLASSICI PENNINI TOUCH

Hanno una punta tonda grande come la punta di un dito quindi non portano alcun vantaggio concreto se non una diversa posizione delle mani. Rispetto a questi Apple Pencil ha una tutti i vantaggi elencati nel paragrafo dedicato al disegno e un solo svantaggio: una batteria.

ALTRI PENNINI PIÙ O MENO AVANZATI

Ci sono ormai tanti altri prodotti analoghi. Ho raccolto qui le migliori alternative a Apple Pencil.

Conclusioni

Hai imparato tutte le notizie rilevanti su Apple Pencil, hai visto che tra le due versioni ci sono differenze non così marcate e piuttosto che la scelta va fatta rispetto all’iPad che già si possiede.

Per ora mi sembra che questo sia tutto, se l’argomento ti interessa, ogni tanto torna a trovarmi, perché cercherò di tenere questa pagina aggiornata.

Fonti: Apple, Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.