Quando gli iMac potevano fare da schermo

Ciao sono Giorgio Pozzi e in questo articolo ti parlerò di quando gli iMac potevano fare da schermo per un altro computer.

Mi capita ancora di scoprire utenti che cercano di usare iMac come uno schermo, vediamo come funziona questa cosa e perché ormai è un lontano ricordo.

Target Display Mode

Il Target Display Mode (così si chiamava questa funzione)ha consentito per qualche generazione di iMac di usare lo schermo incluso in iMac come schermo per un altro computer. I primi modelli a beneficiarne sono stati i 27″ con i loro splendidi ed enormi monitor.

Per attivare la funzione era sufficiente collegare i cavi e per passare dalla visualizzazione interna a quella del computer esterno era sufficiente premere tramite la scorciatoia cmd + F2.

In effetti poteva essere comoda come opzione nel caso uno avesse più computer, anche perché il monitor di iMac è sempre stato di grande qualità.

Mac supportati

I Mac supportati non sono molti:

  • iMac 27″ fine 2009 (mini display port – possibile anche con adattatore da thunderbolt)
  • iMac 27″ metà 2010 (mini display port – possibile anche con adattatore da thunderbolt)
  • iMac dal metà 2011 a metà 2014 (solo con cavo thunderbolt)

Un abbandono inaspettato

L’allargamento della funzione a tutti i modelli causò polemiche perché era obbligatorio l’uso di cavi Thunderbolt M-M che all’inizio non si trovavano. In Apple forse qualcuno si chiese se questa funzione era davvero così necessaria.
Quando uscirono i bellissimi iMac 5K si scoprì che non supportavano questa funzione perché un singolo cavo Thunderbolt 2 non era in grado di gestire la risoluzione completa dello schermo.
Qualcuno storse il naso, ma le vendite andarono alla grande e, nonostante l’arrivo della ben più potente Thunderbolt 3, la funzione non fu mai reintrodotta, anzi fu rimossa anche dai modelli più piccoli nella generazione successiva.

Conclusioni

Sappiamo che Apple non si fa problemi a scegliere per i suoi clienti ed è stato così anche questa volta. Quando gli iMac potevano fare da schermo, grazie alla funzione Target Display Mode, avevano sicuramente un valore aggiunto in più, ma probabilmente era una funzione troppo di nicchia sulla quale non valeva la pena di investire tempo e risorse.

Fonti: Macity TAL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.