Come misurarsi la febbre con un termometro digitale

Ciao sono Giorgio Pozzi e in questa guida ti spiegherò come misurarsi la febbrein digitale. Oggi non solo è possibile, ma è quasi obbligatorio!
Forse non lo sapete ancora, ma dal 2009 non è più possibile acquistare termometri a mercurio. Il motivo è la salvaguardia ambientale e della salute degli utenti (in caso di rottura).

Ma allora per misurarsi la febbre cosa si usa?
Ci sono dei termometri digitali appositi di diversi tipi che fanno bene il loro lavoro ma possono lasciare perplessi i più tradizionalisti.

Misurarsi la febbre

Basta premere il pulsante di misurazione.
Servono al massimo 3 secondi, ma nella maggior parte dei casi è praticamente istantaneo.

Se si collega a uno smartphone, va configurato la prima volta che si usa.
Se avete uno smartphone, e volete memorizzarci lo storico delle misurazioni, dovrete scaricare l’app (iOS o Android) del termometro o una compatibile e usarli in affiancamento, o scaricare i dati sul telefono successivamente.
Vi consiglio di leggervi bene il (di solito brevissimo) manuale per evitare di usarlo in modo errato e di conseguenza di sottovalutare la qualità del prodotto che, almeno per il modello che ho io, è molto buona.

Vantaggi

  • Lettura immediata e spesso che non necessita del tocco (come nel caso della lettura frontale del mio termometro).
  • Possibilità di memorizzare lo storico delle misurazioni in modo automatico.
  • Impatto ambientale ridotto.
  • Rischi di rottura minori e senza vetro e metalli tossici.

Svantaggi

  • Bisogna configurarlo prima di usarlo la prima volta insieme a uno smartphone.
  • Bisogna imparare a usarlo nel modo corretto per evitare misure completamente sballate.
  • Di tanto in tanto dovrete cambiare la batteria.
  • In alcuni modelli la precisione della misura può avere un errore anche di tre-quattro decimi, rilevante ad alcune temperature.

Un esempio

Termometro auricolare digitale:
Permette di misurare la febbre in qualche istante appoggiandolo nell’orecchio, e integra un display che mostra il risultato della misurazione anche al buio. È dotato di copri sonda usa e getta per questione di igiene. La sonda è riscaldata.

Un altro esempio

Termometro a pistola:
Sì impugna in modo diverso ma è quasi la stessa cosa. È molto intuitivo da usare perché permette di usare direttamente la fronte e mostra i risultati a schermo illuminato.

Conclusione

Per riassumere, come sempre, quando si cambia un dispositivo è necessario un po’ di adattamento, e questo vale anche nel misurarsi la febbre. Passare dal mercurio al digitale è un bel salto. Se però imparate a usare lo strumento i vantaggi non tarderanno a farsi vedere.
Piuttosto, cercate di scegliere un buon dispositivo.
Informatevi, decidete e buona misurazione (con l’augurio che serva il meno possibile)!

Fonte: Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.