Neuralink v2 e il futuro transumano

Ciao sono Giorgio Pozzi e in questo articolo ti parlerò di Neuralink v2 appena presentato dall’istrionico Elon Musk, sì quello di SpaceX, degli Starlink, di Tesla, di SolarCity, di PayPal, di TheBoringCompany, di Hyperloop. 😮

“Come un Fitbit nel cranio” E. Musk.

Un anno dopo

Il 28 agosto 2020 Elon Musk ha tenuto una conferenza per mostrare gli sviluppi del progetto Neuralink che aveva esordito un anno prima. Causa Covid la conferenza è stata organizzata in modo un po’ particolare per tenere tutti in sicurezza, ma è riuscita a mostrare tutte le novità in modo chiaro e stupefacente. I passi avanti fatti in quest’anno sono stati davvero tanti.

“Non stiamo cercando di raccogliere fondi o fare altro, ma lo scopo principale è convincere persone fantastiche a lavorare in Neuralink e aiutarci a realizzare il prodotto, rendendolo accessibile e affidabile e in modo che chiunque voglia ne possa avere uno” E. Musk.

Neuralink V2

neuralink-v2-installazione

Il nuovo Link in grado di collegare il cervello al computer è estremamente compatto. Va posizionato direttamente al posto di una pozione di cranio grande come una moneta, si installa in una mezz’ora, senza necessità di anestesia generale ed è possibile rimuoverlo (per upgrade o se non più necessario) con un piccolo intervento.

Il Link è talmente piccolo che non si vede dall’esterno perché sostituisce una porzione di cranio e resta sotto la pelle, inoltre ha una batteria che dura tutta la giornata e si ricarica con un apposito caricatore a induzione che può essere agganciato durante la notte.

neuralink-v2-caricatore

Il segnale in arrivo dal Link è Bluetooth, quindi ha un raggio di una decina di metri e può essere letto senza fili da un apposita ricevente.

I maiali di Neuralink

maialini

Per dimostrare il funzionamento del Link sono stati coinvolti alcuni maialini sui quali Neuralink sta sperimentando con successo la sua tecnologia. Su questi maialini si è dimostrata la possibilità di installare uno o più Link e poi rimuoverli senza conseguenze negative. Uno di questi maialini chiamato Gertrude ha fornito i dati in tempo reale durante la conferenza, mentre mangiava e mentre camminava.

nauralink-v2-lettura-dati-maialini

“Anche io potrei avere un Neuralink addosso e voi potreste non saperlo. Anzi, forse ce l’ho.” E. Musk.

La sperimentazione umana

Entro la fine di quest’anno Neuralink dovrebbe passare dalla sperimentazione animale a quella umana, ormai necessaria per sviluppare ulteriormente il progetto. Le prime applicazioni commerciali sono quindi relativamente vicine e presto in tanti potranno cominciare a giovare dei vantaggi di questa tecnologia.

Lo scopo

Neuralink nasce per risolvere una serie di problemi umani: perdita di memoria, perdita dell’udito, cecità, paralisi, depressione, insonnia, dolore estremo, convulsioni, ansia, dipendenza, ictus e danno cerebrale. È una porta verso l’interno del cervello che promette di trasformare la vita dei disabili e di curare malattie anche degenerative altrimenti difficili da trattare.

Oltre l’umano

Elon Musk ha anche spiegato che, oltre a combattere tante diverse malattie, il Link permetterà di “scaricare” le proprie memorie su robot o dispositivi dedicati per salvarle (e riviverle). Inoltre consentirà anche di comunicare con la “telepatia consensuale” anche via internet. Ha anche confermato che sarà possibile chiamare la propria Tesla direttamente col pensiero.
Insomma l’interfaccia cervello-computer non è solo un dispositivo medico, ma una vera e propria porta per un’evoluzione dell’essere umano che permetterà anche di interfacciarsi in modo nuovo col mondo.

Probabilmente il Link sarà “presto” importante in un mondo dove l’intelligenza artificiale (che Musk ha sempre considerato un grande pericolo) si affermerà e diffonderà sempre di più.
Insomma non è impossibile che tra cinquant’anni tutti avremo in testa un dispositivo derivato dal Neuralink v2, questa prima interfaccia così rivoluzionaria, e avremo cominciato a evolverci in un modo completamente nuovo.

Se volete vedere tutto l’evento di presentazione potete farlo direttamente qui sotto.

Fonte: Biomedicalcue Wikipedia Neuralink

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.