Lanciatore Vega

Ciao sono Giorgio Pozzi e oggi ti parlerò della prossima partenza del lanciatore Vega dell’ESA, sperando che sia la volta buona.

Progetto italiano per ESA

Vega, ovvero Vettore Europeo di Generazione Avanzata è un vettore a tre stadi, sviluppato dalla collaborazione tra ASI (Agenzia Spaziale Italiana) e ESA (Agenzia Spaziale Europea), e in uso dalla Arianespace, la prima azienda mondiale nel trasporto spaziale commerciale.

Lo sviluppo tecnico di Vega è nelle mani di ELV, società partecipata al 30% da ASI e al 70% da Avio. Quindi è un progetto tutto italiano in seno all’Agenzia Spaziale Europea.

Lanciatore Vega intero

Prezzo aggressivo per satelliti leggeri

Vega è stato progettato per portare in orbite basse o polari carichi tra i 300 e i 1500Kg, un mercato che sembra tra i più profittevoli e al momento ancora trascurato dalla SpaceX americana. (di cui abbiamo parlato qui e qui)
Con Vega l’ESA si pone l’ambizioso obiettivo di realizzare un servizio per la messa in orbita di satelliti leggeri ad un prezzo aggressivo.

Un carico con dei carichi

Fra gli oggetti da lanciare in orbita ce n’è uno della italiana D-Orbit che, a sua volta, è un dispensatore di satelliti di un unico cliente, Planet Lab la società di San Francisco che già monitora la Terra con i suoi satelliti.

lanciatore Vega interno

Un solo lancio sfortunato

Il lanciatore Vega è operativo dal 2012, purtroppo però un anno fa l’ultimo test finì malissimo per colpa di un malfunzionamento del secondo stadio. Un fallimento su quindici lanci.

Si parte il 21 giugno 2020

Questo lancio, parte del programma SSMS, il servizio europeo per il ride sharing dei satelliti, era previsto per oggi, dallo spazioporto europeo della Guaiana francese, ma è stato rinviato al 21 giugno a causa del maltempo.

Con questo lancio, se come speriamo andrà tutto bene, il vettore posizionerà a circa 500 km di altezza ben 53 satelliti e si porrà come sistema ottimizzato per questo genere di missioni.

Potete seguire il lancio in diretta presso ESA Web TV.

Fonti: Wikipedia, ASI, Repubblica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.